la pusterbike

Pusterbike: ciclabile della Val Pusteria

Sulla ciclabile della Val Pusteria, da Brunico a Rio Pusteria… e ritorno!

L’ho già detto, ma mi ripeto, a Brunico, ma credo in tutto l’Alto Adige, è impossibile non essere sportivi, lo diventi anche se non vuoi!!
Sulla base di ciò non è difficile immaginare come i nostri weekend a Brunico siano all’insegna dello sport.
Lo scorso sabato, complice una bellissima giornata di sole e le innumerevoli piste ciclabili in zona, abbiamo deciso di rispolverare le bici che avevano poltrito in cantina per tutto l’inverno… destinazione Rio Pusteria!

La Pusterbike

A Brunico passa la Pusterbike, ovvero la pista ciclabile della Val Pusteria che da San Candido arriva fino a Bressanone.
In realtà è parte di un circuito molto più ampio che collega Venezia con Monaco…. si, tutto in bici attraverso chilometri e chilometri di pista ciclabile!
La Pusterbike è completamente asfaltata e perfettamente tenuta… non troverete buchi, ma neanche cartacce lasciate per terra (l’altro giorno abbiamo incrociato una famigliola che con sacchi alla mano e guanti di gomma raccoglieva immondizie).
Noi, sabato, abbiamo fatto solamente un tratto di 25 Km (ovviamente altri 25 ce li siamo fatti al ritorno) da Brunico a Rio Pusteria, o Mulbach (come dicono loro).

la pusterbike

Il percorso

Siamo partiti da Brunico dove la pista ciclabile, costeggia il fiume Rienza fino a giungere in piazza a San Lorenzo di Sebato. Da qui si costeggerà a tratti la ferrovia e a tratti il fiume, ma per il resto si è immersi nella natura, campi e boschi si susseguono fino a Rio Pusteria!
Prima di arrivare a destinazione si incontreranno diversi paesini, nell’ordine, dopo San Lorenzo, troviamo: Casteldarne, Chienes, San Sigismondo, Vandoies di Sopra e Vandoies di Sotto.
Ad eccezione di San Lorenzo, dove la pista ciclabile attraversa la piazza principale, gli altri paesi si trovano tutti al di fuori del percorso ciclistico. Il più delle volte per entrare in paese sarà sufficiente attraversare il ponte sul Rienza dove indicato dai cartelli.
Questo tratto della Pusterbike è tendenzialmente pianeggiante e adatto a tutta la famiglia. Siamo, però, in montagna quindi preparatevi perchè almeno un paio di salitine dovete farle. E non vi preoccupate se non ce la fate e preferite salire bici alla mano… vedrete, non sarete gli unici!
Lungo il percorso non troverete fontanelle, ma trovate sicuramente innumerevoli panchine e ogni tanto anche un tavolo da ping pong!

 

 

la pusterbike

Il panorama

Il panorama lungo la Pusterbike è ovviamente stupefacente. Montagne, prati, boschi, fiume… la natura la fa da padrona.
Ogni tanto, guardandosi attorno si scorge qualche castello arroccato su uno sperone roccioso.
Uno dei primi castelli che si incontrano, e che vista la mole di certo non passa inosservato, è Castello Sonnenburg, appena fuori San Lorenzo di Sebato. Un castello medievale trasformato anche in hotel di lusso, date un’occhiata al sito e considerate l’idea di fermarvi nella sua Spa per riprendervi dalla fatica della pedalata!
Alle porte di Rio Pusteria, invece, troviamo la Chiusa di Rio Pusteria. Si tratta dei resti dell’antico sbarramento difensivo tra le contee del Tirolo e di Gorizia. Fungeva anche da dogana.
In estate diventa palcoscenico per feste e concerti… di certo un’atmosfera magica.
Il Rienza ci accompagna da Brunico a Rio Pusteria e non è insolito vedere canoe e gommoni che sfidano le sue correnti.

Il treno

Ebbene si, se siete stanchi e proprio non ce la fate, non vi preoccupate, il treno c’è!
Tutta la Pusterbike è collegata alla rete ferroviaria e i treni sono attrezzati con vagoni appositi per bici e ciclisti.
Solitamente affianco alle stazioni c’è anche un negozio che noleggia bici, ma al quale potete rivolgervi anche in caso di ruota forata o altri problemi. Sappiate, quindi, che per ogni evenienza una volta trovata la stazione siete a cavallo!
Le stazioni che troverete, oltre quelle di Brunico e Rio Pusteria, sono Casteldarne e Vandoies.

la pusterbike
qui è indicato, oltre a data e ora, anche il numero di ciclisti passati nel giorno e nell’anno

Consigli pratici

  • portatevi qualcosa da bere perchè lungo la pista ciclabile non ci sono fontanelle. Certo, è impossibile morire di sete perchè i Paesini sono a due passi e lì potete trovare ogni comodità.
  • occhiali da sole anti-moscerini
  • non parlate, non ansimate, non respirate con la bocca. La pista ciclabile è “invasa” dagli insetti, è umanamente impossibile arrivare a destinazione senza aver mangiato almeno un paio di moscerini.
  • Portatevi sempre una camera d’aria di riserva, non si sa mai!
    Io parto sempre senza e già un paio di volte mi sono ritrovata a fare dei tratti a piedi perchè ovviamente la gomma si buca sempre lontano dalle stazioni!!
  • Lungo la pista ciclabile si trovano spesso anche famiglie o anziani che fanno una passeggiata… fate attenzione!

Bene, l’articolo è finito, ma se vi va date un’occhiata al video… in bici con me da Brunico a Rio Pusteria!

pusterbike

Share This:

Autore dell'articolo: thatsme

1 thought on “Pusterbike: ciclabile della Val Pusteria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.