vento a Rodi

Vacanze in Grecia: la guida di Rodi

Rodi: guida alla tua vacanza sull’Isola del Sole

Rodi è un’isola che mette d’accordo un po’ tutti.
Gli amanti del mare avranno solo l’imbarazzo della scelta (ci sono delle spiagge mozzafiato!), chi, invece, preferisce una vacanza un po’ più culturale, potrà immergersi nella storia passeggiando tra i vicoli di Rodi Vecchia o salendo all’acropoli di Lindos.
Rodi è chiamata “l’isola del sole” ed effettivamente in una settimana abbiamo visto si e no una nuvola.

welcome to paradise

Dove si trova?
Rodi è l’isola più grande del Dodecaneso, a due passi dalle coste turche, nelle giornate più limpide sembra proprio di poterci arrivare a nuoto.
Trovandosi molto a sud, già a giugno le temperature si fanno altissime, ma almeno un po’ vengono smorzate dal soffiare incessante del meltemi che, ammettiamolo, a volte è veramente fastidioso!

vento a Rodi
… quando soffia il meltemi

Dove alloggiare
Chi si appresta ad organizzare una vacanza a Rodi scoprirà che le mete principali sono tre:
– Faliraki —> dedicata ai giovani
– Lindos —> dedicata ai romantici
– Rodi —> un po’ per tutti

Ovviamente ci sono anche altri paesini, ma sono più piccolini e io li scarterei se non altro perchè altrimenti la sera non sapete cosa fare.
Tutte e tre le città si trovano sulla costa orientale che è quella dove soffia meno il meltemi (mah!) e dove ci sono le spiagge più belle e famose.
Noi abbiamo alloggiato a Rodi e non ce ne siamo pentiti. E’ comoda per raggiungere un po’ tutte le spiagge e la sera puoi scegliere se fare una passeggiata tra i vicoli della Rodi vecchia o fare un giro di locali per la Rodi nuova.
Lindos è un paesino molto carino e sicuramente caratteristico con le sue casine bianche e i vicoli stretti. Chi ci ha alloggiato è stato molto felice ma, secondo me, Rodi offre più alternative.

Mezzi di trasporto e strade
Rodi è lunga, da capo a capo, circa 100km.
Le spiagge più belle, però, si trovano principalmente nel raggio di 50km tra Rodi e Lindos.
Noi abbiamo noleggiato uno scooter (300cc, non il classico scooter eh) e ci siamo trovati benissimo perchè era comodo per raggiungere le spiagge (zero problema parcheggio) ma anche per girare in città. L’unico problema sono le raffiche di vento che un po’ fanno sbandare (era più che altro un problema per me che sono fifona, non un vero problema!).
Rodi è collegata a Lindos da una strada a scorrimento veloce con due corsie per senso di marcia da cui poi partono le stradine (sempre e comunque asfaltate) che scendono alle spiagge…. super comodo!
Volendo c’è anche un servizio di bus che collega le varie spiagge, ma le corse sono molto rade (tipo una all’ora) e non so se sia molto conveniente.
La macchina è sicuramente il caso di noleggiarla se intendete visitare tutta l’isola perchè allora le distanze si allungano e una macchina può tornare comoda.
Polizia non pervenuta!

La benzina
Nella parte nord di  Rodi i distributori si sprecano, ne trovate veramente ovunque e quindi non è un problema.
Attenti, però, se scendete sotto Lindos le cose cambiano. In tutta la zona meridionale dell’isola ci sono solo 5 distributori (v/mappa).

mappa Rodi

Rodi città
E’ la capitale dell’isola e sede del principale porto.
Si divide in città vecchia (quella compresa all’interno delle antiche mura) e città nuova.
La città vecchia, con le sue mura, le vie strette, i ciottoli e il castello, è la più grande città medievale ancora abitata ed è Patrimonio dell’Unesco.
Noi ci siamo stati per lo più la sera, per cena, ma l’ultimo giorno, complice il volo spostato alla sera, ci siamo fermati nella spiaggia di Rodi Città e in pausa pranzo, abbiamo deciso di addentrarci nella città vecchia per dare un’occhiata alle sue bellezze… fregati! Abbiamo sbagliato ingresso e sotto il sole cocente delle 12.30 ci siamo ritrovati a camminare in un “corridoio” di terra sabbiosa (neanche l’erba ce la faceva a crescere) tra le altissime mura esterne e quelle interne, zero ombra, solo sole… giuro mi aspettavo di vedere comparire da un momento all’altro un leone pronto a sbranarci!
Quindi mi raccomando, prima di addentrarvi come babbei (come abbiamo fatto noi), leggete i cartelli (perchè sono sicura che da qualche parte c’erano!!) e munitevi di cappellini e acqua… a litri!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lindos
Se Rodi città, si divide tra città dal tipico aspetto medievale e città super moderna, Lindos è la tipica cittadina greca: arroccata su un promontorio, circondata dal mare, fatta di stretti vicoletti e case bianchissime… una vera chicca!
A Lindos si respira un clima più tranquillo, i ristoratori sono meno insistenti e se cerchi bene trovi anche qualche negozietto che non vende la solita robaccia per turisti.
Qui il must è salire fino all’acropoli che si trova in cima al monte che sovrasta Lindos.
La salita può essere fatta a piedi o in groppa all’asinello (più indicato per i bambini).
Noi non ce l’abbiamo fatta perchè da Rodi per arrivare a Lindos ci si impiega circa 1 ora e posso assicurarvi che sotto il sole cocente delle 10, l’idea di salire fino in cima ti passa velocemente
Detto questo, se non volete perdervi la vista dalla cima, sappiate che dovrete svegliarvi presto, essere pronti a fare la sauna, ma soprattutto munirvi di cappello e litri d’acqua!!!

Le spiagge
Alle spiagge verrà dedicato un post a parte, ma sappiate che le più belle sono, anche a detta della receptionist greca del nostro hotel, tutte sulla costa orientale. Le più famose, poi, si trovano tutte tra Rodi e Lindos.
I suggerimenti che mi sento di darvi in questo caso sono due:

◊  arrivate in spiaggia a orari decenti perchè già a fine giugno le spiagge si riempiono velocemente. Le più belle, poi, sono baie piuttosto piccole e con pochi ombrelloni. E’ necessario quindi arrivare per tempo!

◊  Valutate con cura dove noleggiare l’ombrellone. Mi spiego. Le spiagge sono quasi tutte circondate da alte scogliere quindi dovete fare caso da che lato tramonterà il sole perchè altrimenti rischiate di trovarvi all’ombra già alle 17.00!!
Noi la mattina perdevamo mezz’ora per la scelta ombrellone (non a causa mia, sia ben chiaro) perchè oltre alla direzione del sole bisognava sceglierne uno con abbastanza spazio intorno in modo da potersi muovere in libertà, che non fosse troppo vicino alla riva per evitare che il pomeriggio, quando sale la marea, ti ritrovi con i piedi in acqua, che non fosse neanche troppo lontano dalla riva perchè poi la sabbia diventa rovente… e via così…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se avete intenzione di partire per Rodi o se siete curiosi e volete saperne di più, continuate a seguirmi per conoscere le spiagge più belle.
Iscrivetevi al blog per ricevere una mail ad ogni nuovo articolo o seguitemi su Instagram, Facebook e Google Plus per non perdervi proprio nulla!!!

Share This:

Autore dell'articolo: thatsme

1 thought on “Vacanze in Grecia: la guida di Rodi

    […] parlo solo delle mie cinque preferite, più una veramente particolare. Come già detto nel post “Guida di Rodi”, le spiagge più belle si trovano tutte sulla costa est, quella più riparata dal meltemi. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.