tramonto su zante

Zante: guida di viaggio

Zante: consigli pratici per organizzare un viaggio in Grecia

Se Karpathos è stata l’isola che mi ha fatto innamorare follemente della Grecia, Zante è quella che più mi ha sorpresa.
Ammetto di essere partita un po’ scettica, pensando che oltre alla spiaggia del Navajo non ci fosse nulla e invece ho dovuto ricredermi… Zante è spettacolare!

In realtà anche la spiaggia del Navajo mi sembrava sopravvalutata prima di partire, ma poi prima ancora di atterrare, quando l’aereo ha fatto una virata sopra questa famosa spiaggia e ho potuto vederla dall’alto (una vista decisamente privilegiata) bè, non ho potuto far altro che ricredermi e non vedere l’ora di andarla a vedere da vicino!

Dove si trova
Zante fa parte delle Isole ioniche e si trova al largo di Olympia (raggiungibile con gite giornaliere organizzate dai tour operator locali).
La capitale è Zante Town, si trova sulla costa orientale dell’isola all’interno di un’insenatura. Nella piazza principale si può vedere la statua dedicata ad Ugo Foscolo (che nacque qui).

Come arrivare
Noi, come sempre, siamo partiti da Lubjana con un volo della Adria Airways, ma è possibile trovare anche voli low cost dai principali aeroporti italiani o, se avete tempo, traghetti dai principali porti dell’Adriatico.
L’aeroporto si trova nella parte merdionale dell’isola non distante da Zante Town.

Dove alloggiare
Ecco, questa è stata la scelta che ci ha messo più in crisi lo scorso anno nell’organizzare la vacanza.
Diciamo che le mete più quotate sono Zante Town (la capitale), Laganas (la movida è qui) e Argassi.
Alla fine abbiamo optato per Argassi e tutto sommato è stata una buona soluzione.
Si trova a circa 5 km da Zante Town lungo la strada di collegamento con la zona sud dell’isola.
La posizione è molto comoda sia per raggiungere le spiagge meridionali, sia per visitare il resto dell’isola (anche se in questo caso bisogna sempre passare per Zante Town).
In questo paesino non c’è molto, per lo più hotel, negozi di souvenir, molte taverne e diversi localini per il dopo cena. In ogni caso, Zante Town è talmente vicina che non è un problema raggiungerla per cena.
Per quanto riguarda il mare, no, Argassi non va bene per nulla. E’ praticamente priva di spiaggia e il mare è piuttosto sporco, ma continuate a leggere perchè c’è una soluzione perfetta per ovviare a questo problema! 😉

argassi
Argassi

Mezzi di trasporto
Il mio consiglio è sempre quello di noleggiare un mezzo di trasporto per poter girare l’isola in totale libertà.
Noi, ad esempio, abbiamo optato come sempre per un quad che continua ad essere il nostro mezzo preferito. Non hai problemi di parcheggio, non serve l’aria condizionata, ha un cassone bello capiente per la roba da spiaggia ed è anche comodo per viaggiare (per lo meno per me che siedo dietro!).
La spiaggia del relitto (l’emblema di Zante) è però raggiungibile solamente via mare. Come fare?
Ad Argassi, ma penso anche altrove, era pieno di piccoli tour operator che organizzavano varie escursioni a prezzi veramente modici.
Noi abbiamo approfittato di loro il primo e l’ultimo giorno.
Il primo giorno con un battello abbiamo fatto il giro dell’isola fermandoci ovviamente alla spiaggia del relitto e in altri 2 punti per fare il bagno e un po’ di snorkeling (per saperne di più, leggi l’articolo sul Tour in barca).
L’ultimo giorno, invece, essendo senza quad (ci hanno ritardato il volo e abbiamo guadagnato un’intera giornata a Zante) abbiamo approfittato servizio bus GRATUITO per le spiagge di Banana e St. Nickolas offerto appunto da questi tour operator (ecco la soluzione a cui accennavo per evitare l’orribile mare di Argassi).
Solitamente queste spiagge (a circa 15 min da Argassi) sono raggiungibili con i bus di linea che sono a pagamento e super affollati. Questo è un servizio che probabilmente i più non conoscono, ma effettivamente molto comodo.
In agenzia ti indicano l’orario e il luogo dove prendere il bus. Non ci sono biglietti da pagare, sali semplicemente a bordo e scendi in spiaggia. L’importante, se vuoi poter risalire in corriera al ritorno è una volta in spiaggia affittare sdraio e ombrellone o mangiare qualcosa al bar o fare uno sport acquatico. Ovviamente sarà da tenere il biglietto che ti rilasciano e mostrarlo all’autista del pulman.
Questa per noi è stata una soluzione fantastica perchè comunque almeno una delle tre cose a pagamento l’avremmo comunque fatta (poi in realtà le abbiamo fatte tutte) e ci abbiamo anche guadagnato il viaggio in pullman gratuito.
Ovviamente c’è il difetto che gli orari sono fissi. Mi pare partisse alle 10 da argassi e ripartisse alle 17 dalla spiaggia. Per noi gli orari erano perfetti perchè così siamo riusciti a tornare in hotel in tempo per farci una doccia e prendere il transfert per aeroporto.

spiaggia del navagio
La spiaggia del relitto

Le strade
Le strade a Zante sono perfette. Sono tutte asfaltate, magari la notte non sono tanto illuminate al di fuori dei centri urbani, ma comunque si può girare in tutta tranquillità.
Spostandosi dalla costa est a quella ovest ci si troverà a passare in mezzo a distese sconfinate di ulivi… uno spettacolo! Non perdetevi a Exo Chora l’ulivo più antico dell’isola… ha più di 2000 anni.
Spettacolare è anche il monastero di Eleftheotria che si incrocia andando verso Porto Limnionas da Zante Town. All’inizio pensavo fosse un castello con tutte le sue torri e merletti.

le strade di Zante

Le spiagge
A Zante si trovano spiagge per tutti i gusti. Da quelle lunghe e sabbiose a sud a quelle piccole e arrocate sulle scogliere sulla cosa ovest. Ci sono calette raggiungibili solo dal mare e spiagge dove si può praticare qualsiasi sport acquatico che sia stato inventato.
Le principali spiagge sono tutte attrezzate e hanno almeno una taverna in cui poter mangiare. Fanno eccezione quelle raggiungibili unicamente via mare che sono deserte.
Alle spiagge verrà dedicato un post specifico.

Dove mangiare
Argassi è piena di piccoli taverne, alcune anche molto caratteristiche. La mia preferita, dove in assoluto ho mangiato il miglior gyros della vacanza (no, quello fatto come il kebab non lo accetto come gyros) si trova ad Argassi, si chiama “Palos de Moguer” ed è gestito da due ragazze messicane… gentilissime loro e buonissimo il cibo!!
Mi è piaciuta molto anche la “Dionysos Taverna”, sempre ad Argassi, dove in due abbiamo diviso il loro vassoio di specialità greche… buono e basta!
A Zante Town si trovano tantissimi ristorantini spesso anche con musica dal vivo, che non guasta mai!

Un consiglio: salite per un aperitivo a Bochali. E’ un paesino arroccato sulla rupe sopra Zante Town. Lassù c’è un localino dall’aspetto molto moderno (non potete sbagliare) con una terrazza che si affaccia direttamente sul golfo di Zante e al tramonto è bellissimo e molto romantico!

zante città
Vista di Zante da Bochali

Cosa non dimenticare in valigia
Oltre alle solite cose che vi servono per una vacanza al mare, non potete dimenticare

  • vestito bianco per partecipaare al withe party a Cameo Island
  • scarpine da scoglio
  • maschera e boccaglio
  • cappellino per non sciogliervi durante la gita in barca
  • un golfino per la sera se siete freddolosi
  • se avete intenzione di salire sul relitto (completamente arrugginito) magari controllate di avere l’antitetanica ancora valida  (dura 10 anni)

… e se avete qualche dubbio o curiosità, contattatemi!!

Share This:

Autore dell'articolo: thatsme

1 thought on “Zante: guida di viaggio

    […] sopraelevata all’estrema destra della spiaggia… da non tornarci! Come già detto nel post sui consigli di viaggio, per arrivare a questa spiaggia abbiamo optato per un servizio bus gratuito a patto che una volta […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.